Come mai si fanno ancora figli in America

24 Apr

Dal mio articolo su Donne Ieri, Oggi e Domani di Marta Ajo’.

http://www.flickr.com/photos/ tunnelarmr/2526487880/

http://www.flickr.com/photos/ tunnelarmr/2526487880/

Ci sono vari vantaggi dell’essere una donna in America, piuttosto che in Italia. Per esempio, il vivere con molti modelli culturali positivi per le donne, che negli ultimi vent’anni hanno fatto passi da gigante, dalla politica all’imprenditoria, da Hillary Clinton a Sheryl Sandberg.

Le cose cambiano però drammaticamente quando la donna diventa mamma. Perché negli Stati Uniti ci sono tanti diritti, meno il diritto di essere mamma. Niente licenza di maternità, niente impossibilità di licenziare una donna in licenza di maternità, niente asili nido. Nessuna protezione.

Mi spiego meglio. Le leggi sulla licenza di maternità variano da Stato a Stato, da impresa a impresa e sono spesso frutto di negoziazione tra gli impiegati e le compagnia. Spesso, il datore di lavoro non è tenuto a offrire nessun permesso per le neo mamme, retribuito o meno. In sette anni di vita qui ho conosciuto donne che sono dovute tornare a lavorare dopo tre giorni dal parto. Altre che sono riuscite a negoziare quattro settimane non pagate, magari usando parte delle vacanze che avevano maturato negli anni. Ho parlato con donne che hanno deciso di farsi il taglio cesareo perché garantiva loro due settimane pagate di malattia, per poter stare con i propri figli. E ho condiviso la frustrazione di altre che sono state licenziate durante la licenza di maternità, perdendo anche l’assicurazione sanitaria loro e del neonato, causa tagli del personale. Tutto questo è assolutamente possibile e legale.

Le cose non migliorano quando i bambini crescono. In America non esistono asili nido pubblici di nessun tipo. Qui a New York il costo basico di un asilo nido è di $20,000 l’anno, e non sto parlando di posti sulla Fifth Avenue, ma nel Queens, vicini alla superstrada. C’è sempre l’opzione della tata privata, certo. A $3,200 al mese: non per tutte, come potrete immaginarvi. E anche quando i bambini iniziano a poter frequentare strutture pubbliche (ai quattro anni), le ore d’insegnamento gratuite sono poche e non coincidono certo con gli orari lavorativi (lunghissimi) degli americani.

Un Far West, insomma. Peggio non potrebbe andare, soprattutto agli occhi di un’italiana come me.

Eppure c’è anche, necessariamente, un’altra storia. Perché le donne qui, di tutte le classi sociali e di tutti i gruppi etnici, continuano a fare più figli (da più giovani) che da noi italiane. Come? Raccapezzandosi come possono, rinunciando a tutto, indebitandosi se necessario.

Perché? Perché, nonostante tutto, sono piene di speranza. Nel nuovo mondo c’è una fede instancabile che il meglio risieda nel futuro, che debba ancora venire. Forse domani troveranno un lavoro più pagato, forse il figlio sarà un genio e avrà una borsa di studio per Harvard, forse la crisi finirà e tutti guadagneranno il doppio. Inutile dirlo, per la maggior parte delle americane queste cose non succederanno mai ma loro continuano ad essere ottimiste, sperare e avere fede in un mondo migliore, per il quale valga la pena fare figli.

Una fede che noi abbiamo perso tanti anni fa e non abbiamo più ritrovato. Ha da passà ‘a nuttata, diceva Eduardo in Napoli Millionaria. Evidentemente non è ancora passata.

Annunci

7 Risposte to “Come mai si fanno ancora figli in America”

  1. Marianna 24 aprile 2013 a 7:44 PM #

    Lucina, in America si continua a fare piu’ figli, ma non si esita a dare loro l’Adderall se il poverino comincia a “act out” – non escludo anche in reazione al fatto di avere intorno genitori per forza di cose iper stressati. Si continua a fare figli, ma si divorzia anche molto, la qualita’ della vita diminuisce e ci si indebita a vita per mandarli a scuola, senza che questo si riveli poi un vero investimento ma solo un impegno che poi costringe a mantenere ritmi frenetici per pagare il debito. I figli li fanno a batteria anche in Afghanistan e nelle favelas…il continuare a farne non e’ sempre e necessariamente un segnale di speranza.

    • lucinadimeco 24 aprile 2013 a 8:05 PM #

      Cara Marianna, sono d’accordo con te sulla prima parte: gli americani sono super-stressati e spesso non vivono bene. Sulla seconda parte meno: in Afghanistan e nelle favelas non ci sono le possibilita’ di prevenzione delle gravidanze che ci sono qui. Per cui chi fa figli in America (con tutte le opzioni per non farne) alla fine sta investendo in un’idea di futuro, sperando che qualcosa cambi.La speranza c’entra. Un abbraccio e grazie per leggere il blog!

  2. Marta Aj 25 aprile 2013 a 9:48 AM #

    Grazie! Una foto bellissima che ho subito cambiato. Mi dai un logo possibile per il tuo sito che io posso mettere nei link? :-))) marta

    • lucinadimeco 25 aprile 2013 a 11:03 AM #

      Mille grazie! Ti mando una foto! 🙂

  3. traslochi-casa 13 maggio 2013 a 2:22 PM #

    Ottimo, articolo davvero interessante, era proprio quello che cercavo! Grazie per lo spunto!

  4. Alessandra F. 15 maggio 2013 a 6:56 AM #

    Oltretutto la natalita’ in America e’ in forte declino. Infatti e’ calata del 7-8% negli ultimi 5 anni.

    http://www.economist.com/node/21560266

    • lucinadimeco 15 maggio 2013 a 1:59 PM #

      L’ottimismo inizia ad esaurirsi anche qui…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Laughing at Chaos

Where Wildly Different Is Perfectly Normal

TriVienna

An unofficial resource for the Tri-Mission American community in Vienna

A Mommy Abroad

Our big adventure, as a family of four.

Unlikely Diplomat

Namaste, New Delhi!

lecittàvicine

Amore per le città

Settenove

Il blog della case editrice Settenove (www.settenove.it): un progetto di prevenzione alla violenza di genere • un impegno contro la discriminazione • un contrasto agli ostacoli culturali • una proposta di nuovi linguaggi • pari opportunità tra le persone • diritti, rispetto, collaborazione • www.facebook.com/settenove.it • www.twitter.com/ed_settenove

LIFEJOURNALIST

LIVE, TRAVEL, LOVE AND NEVER GIVE UP!

La sociologia: uno sguardo critico sulla realtà

Uno sguardo critico sulla realtà

Se Non Ora Quando FACTORY

Laboratorio di libero pensiero e azione politica

Michela Marzano

Se non avessi attraversato le tenebre, forse non sarei diventata la persona che sono oggi. Forse non avrei capito che la filosofia è soprattutto un modo per raccontare la finitezza e la gioia

DonneViola

Siamo Donne Viola, donne che non hanno bisogno di urlare e prevaricare per far sentire la propria voce nella società

Alessandra Di Pietro

scrivo per orientarmi

femminile plurale

"Le persone istupidiscono all'ingrosso, e rinsaviscono al dettaglio" (W. Szymborska)

Il Ragno

Pensieri di una femminista razionalista

Lotjina

----------- l'olandesina ----------------

Champ's Version

Se non porti almeno una soluzione anche tu fai parte del problema

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: