Margaret Thatcher e il cervello delle donne

11 Apr
http://commons.wikimedia.org/wiki/File: Thatcher_reviews_troops_(cropped).jpg

http://commons.wikimedia.org/wiki/File: Thatcher_reviews_troops_(cropped).jpg

Qualsiasi cosa pensiate delle politiche di Margaret Thatcher, è indubbio che suo sia il merito di aver dimostrato al mondo che le donne sono capaci della stessa leadership aggressiva, intransigente e spesso spietata di cui sono capaci gli uomini. Non che, dopo un paio di esperienze lavorative in organizzazioni guidate da donne, avessi dubbi. Infondo per me è chiaro che l’unica differenza biologica tra donne e uomini è il sesso e il resto è costruzione sociale a cui si può (e spesso si deve) sfuggire.

Non è però questa la storia che ci viene raccontata tutti i giorni, spesso con pretese scientifiche. Da Gli Uomini Vengono da Marte, le Donne da Venere a Il Cervello delle Donne, molti sono i best-sellers che negli ultimi anni hanno analizzato le differenze comportamentali di uomini e donne, trovandone l’origine nel loro diverso patrimonio neurologico. Secondo questi studi, talvolta basati anche sull’interpretazione delle risonanze magnetiche, le donne sarebbero “programmate” per essere più empatiche, capaci di multi-tasking, comprensive, sensibili e loquaci. Gli uomini sarebbero invece più aggressivi, competitivi, analitici e individualistici. Le prove si troverebbero spesso nelle situazioni più triviali: non è vero che le donne non sanno leggere le mappe, mentre gli uomini non sembrano capaci di parlare e guardare la televisione allo stesso tempo?

Sembra un discorso banale fino all’innocuità, ma non lo è. Per millenni, infatti, scienziati e esperti cosiddetti imparziali hanno giustificato la disuguaglianza sociale e politica tra uomini e donne attraverso la loro supposta differenza biologica (e neurologica).

Neurosessismo, insomma.

Nell’epoca vittoriana si diceva che il cervello femminile, in media più piccolo e più leggero di 141 grammi di quello maschile, non era in grado di sostenere attività analitiche profonde. Nel 1915, il neurologo Charles Dana dichiarava che, a causa del midollo spinale troppo piccolo, le donne avevano limitate capacità di giudizio  e per tanto non erano soggetti adatti ad esercitare il diritto di voto. E via discorrendo. Allora come oggi, le mappe della disuguaglianza venivano tracciate nei nostri corpi e nei nostri cervelli, delineando una geografia stranamente funzionale al mantenimento di uno status quo che vede le donne ricoprire ruoli sociali non solo diversi, ma spesso inferiori e quasi sempre più vulnerabili.

In realtà, c’è anche un’altra scienza. Secondo Cordelia Fine, moltissimi sono gli studi che dimostrano la trascurabilità delle differenze cerebrali tra uomini e donne, ma in genere non fanno titolo. Infondo, chi leggerebbe un articolo su uno studio che non ha trovato nulla?

Una domanda rimane: se non sono innate, da dove vengono le differenze?

Secondo Lise Eliot, professoressa di Neuroscienza alla Chicago Medical School, le differenze comportamentali e di attitudini dell’infanzia e dell’età adulta sarebbero principalmente il risultato delle diverse aspettative sociali per uomini e donne. Per semplificare, sarebbero quindi i messaggi educativi diversi a far sì, per esempio, che i bambini vogliano giocare con le costruzioni e le bambine vogliano vestirsi di rosa. E mentre esistono delle piccole differenze nelle propensioni di bambini e bambine quanto allo sviluppo di certe capacità (per esempio, in media le bambine parlano alcune settimane prima dei bambini), queste differenze sono di gran lunga inferiori a quelle esistenti tra individui dello stesso sesso (tra bambine che parlano, per esempio, a 18 mesi e bambine che parlano a 3 anni).

Secondo la Fine e la Eliot, il cervello sarebbe dunque un organo flessibile, in continuo cambiamento e evoluzione, profondamente influenzato da input e pressioni esterni. In questo senso, anche quelle differenze cerebrali tra i sessi evidenziate da alcuni studi di risonanze magnetiche non sarebbero in grado di indicare se queste differenze sono la radice o piuttosto il frutto della differenza (e disuguaglianza) tra i sessi. Dove finiscono dunque le differenze neurologiche e dove inizia il neurosessimo?

Margaret Thatcher sosteneva di aver imparato dalla politica che gli uomini non sono un sesso ragionevole e razionale. Le donne non sono molto diverse, o per lo meno non tutte e non per via della biologia, aggiungerei io. A dimostracelo è stata proprio lei.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Laughing at Chaos

Where Wildly Different Is Perfectly Normal

TriVienna

An unofficial resource for the Tri-Mission American community in Vienna

A Mommy Abroad

Our big adventure, as a family of four.

Unlikely Diplomat

Namaste, New Delhi!

lecittàvicine

Amore per le città

Settenove

Il blog della case editrice Settenove (www.settenove.it): un progetto di prevenzione alla violenza di genere • un impegno contro la discriminazione • un contrasto agli ostacoli culturali • una proposta di nuovi linguaggi • pari opportunità tra le persone • diritti, rispetto, collaborazione • www.facebook.com/settenove.it • www.twitter.com/ed_settenove

LIFEJOURNALIST

LIVE, TRAVEL, LOVE AND NEVER GIVE UP!

La sociologia: uno sguardo critico sulla realtà

Uno sguardo critico sulla realtà

Se Non Ora Quando FACTORY

Laboratorio di libero pensiero e azione politica

Michela Marzano

Se non avessi attraversato le tenebre, forse non sarei diventata la persona che sono oggi. Forse non avrei capito che la filosofia è soprattutto un modo per raccontare la finitezza e la gioia

DonneViola

Siamo Donne Viola, donne che non hanno bisogno di urlare e prevaricare per far sentire la propria voce nella società

Alessandra Di Pietro

scrivo per orientarmi

femminile plurale

"Le persone istupidiscono all'ingrosso, e rinsaviscono al dettaglio" (W. Szymborska)

Il Ragno

Pensieri di una femminista razionalista

Lotjina

----------- l'olandesina ----------------

Champ's Version

Se non porti almeno una soluzione anche tu fai parte del problema

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: