Il lavoro sessuale è soprattutto LAVORO. Parla Audacia Ray

4 Feb
http://www.myspace.com/audaciaray/photos/40697560

http://www.myspace.com/
audaciaray/photos/40697560

La settimana scorsa in questo blog, ho parlato della mia amica Audacia Ray e del suo lavoro di attivismo per le lavoratrici del sesso. Questa settimana, mi è sembrato importante dare a lei la parola, con un’intervista in cui le faccio alcune delle domande che sono state fatte a me da amiche e lettrici quest’ultima settimana.

Usi sempre il termine “lavoro sessuale”. Trovi I termini “prostituzione” e “prostituta” offensivi? Quanto è importante il linguaggio in questo caso?

“Lavoro sessuale” è una frase di significato politico ed è usata per affermare che il lavoro sessuale è di fatto un lavoro. Non trovo le parole “prostituta” o “prostituzione” offensivi. Oltretutto, sono termini utilizzati in un contesto legale per cui è importante usarli in certa misura. Comunque sia, “lavoro sessuale” è un termine generico e comprende molti tipi diversi di attività, per esempio prostituzione, danze erotiche, attuazione sado-maso, prestazioni porno e il sesso telefonico. Tutti questi lavori consistono in uno scambio di denaro per un’esperienza erotica, ma non comportano necessariamente un rapporto o neanche un contatto fisico. Queste attività sono altamente stigmatizzate, e alcune di esse sono illegali, ma chi lavora in queste situazioni merita di essere rispettato/a e di avere la propria sicurezza e i propri diritti protetti, a prescindere dal contesto legale e dalle credenze morali di altre persone.

C’è una best practice o una politica modello sul lavoro sessuale? Come ne pensi dell’esperienza olandese?

La maggior parte degli attivisti per i diritti dei lavoratori e delle lavoratrici del sesso chiede che la criminalizzazione del lavoro sessuale sia eliminata, ma le opinioni sulle pratiche da seguire sono davvero varie. Credo che le politiche dipendano sempre da fattori locali, ma la cosa più importante è che le persone che lavorano nell’industria del sesso siano protette e che i loro diritti siano rispettati. Questo non vuol dire portare via le persone dai bordelli o da dove esercitano; significa fare in modo che il loro ambiente di lavoro sia sicuro e che la situazione giuridica ed economica sia tale che queste persone possano fare un altro lavoro, se lo desiderano.

 Nei tuoi spettacoli, metti insieme lavoratrici e lavoratori del sesso, attivisti, artisti, scrittori, persone qualsiasi che sono al bar per prendersi un drink, o, come nel tuo caso, persone che hanno vissuto ognuna queste esperienze ad un certo punto nella loro vita. Cosa succede quando queste persone si incontrano e si parlano?

Al Red Umbrella Diaries, l’evento mensile che sto producendo a New York da quasi quattro anni, le persone involucrate nell’industria del sesso salgono sul palco e raccontano le loro storie di vita vissuta. Penso che quando le persone condividono queste storie si comprendono a livello umano in un modo che non è assolutamente possibile con le cronache giornalistiche o nei dibattiti politici. Se siete curiosi di ascoltare queste storie, potete sentire il podcast (in Inglese) su redumbrelladiaries.com e su iTunes.

Da femminista, ho sempre avuto la tendenza a credere che il lavoro sessuale è un prodotto dell’ oggettivazione delle donne e mi piacerebbe pensare di poter vivere in un mondo dove gli uomini non sentono il bisogno di pagare per il sesso. Cosa c’è di sbagliato in questa idea?

Penso ci sia troppa enfasi sulla parte “SESSUALE” della frase “lavoro sessuale”. La maggior parte delle persone, in particolare le donne (incluse le transgender), praticano il lavoro sessuale perché hanno bisogno di un LAVORO e per varie ragioni non riescono a trovare altre occupazioni che paghino abbastanza per sostenere loro e le loro famiglie o i cui orari siano sufficientemente flessibili. Il lavoro sessuale continuerà ad esistere fino a quando altri lavori non offriranno una migliore retribuzione e migliori orari. Pensare alle lavoratrici (e ai lavoratori) del sesso e al lavoro sessuale come la radice di ogni male e l’origine dell’oggettivazione e della disuguaglianza non è giusto. L’industria del sesso è un sintomo della disuguaglianza, non la sua causa principale – anche se, naturalmente, il mercato del sesso replica e alle volte peggiora disuguaglianze preesistenti. Detto questo, credo che anche qualora non esistessero più disuguaglianze economiche di base, probabilmente ci sarebbe sempre qualcuno che vuole comprare sesso e qualcuno disposto a venderlo.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Laughing at Chaos

Where Wildly Different Is Perfectly Normal

TriVienna

An unofficial resource for the Tri-Mission American community in Vienna

A Mommy Abroad

Our big adventure, as a family of four.

Unlikely Diplomat

Namaste, New Delhi!

lecittàvicine

Amore per le città

Settenove

Il blog della case editrice Settenove (www.settenove.it): un progetto di prevenzione alla violenza di genere • un impegno contro la discriminazione • un contrasto agli ostacoli culturali • una proposta di nuovi linguaggi • pari opportunità tra le persone • diritti, rispetto, collaborazione • www.facebook.com/settenove.it • www.twitter.com/ed_settenove

LIFEJOURNALIST

LIVE, TRAVEL, LOVE AND NEVER GIVE UP!

La sociologia: uno sguardo critico sulla realtà

Uno sguardo critico sulla realtà

Se Non Ora Quando FACTORY

Laboratorio di libero pensiero e azione politica

Michela Marzano

Se non avessi attraversato le tenebre, forse non sarei diventata la persona che sono oggi. Forse non avrei capito che la filosofia è soprattutto un modo per raccontare la finitezza e la gioia

DonneViola

Siamo Donne Viola, donne che non hanno bisogno di urlare e prevaricare per far sentire la propria voce nella società

Alessandra Di Pietro

scrivo per orientarmi

femminile plurale

"Le persone istupidiscono all'ingrosso, e rinsaviscono al dettaglio" (W. Szymborska)

Il Ragno

Pensieri di una femminista razionalista

Lotjina

----------- l'olandesina ----------------

Champ's Version

Se non porti almeno una soluzione anche tu fai parte del problema

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: